Corsi per intermediari bancari: a chi sono rivolti?

Qual è l’obiettivo di un corso per intermediari bancari? Il corso fornisce al discente tutte le competenze e gli strumenti necessari per ottemperare all’obbligo della trasparenza delle condizioni contrattuali.

È obbligatorio formarsi?

La risposta a questa domanda è sì. Dal 6 settembre 2017, infatti, è entrato in vigore il Provvedimento 3 agosto 2017 che modifica il Provvedimento del 29 luglio 2009 e successive modifiche “Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari.

Correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti” che prevedono quindi la formazione obbligatoria di chi svolge proprio questo tipo di attività.

A chi è rivolto?

I destinatari di tali corsi sono:

  • Banche,
  • soggetti iscritti nell’albo previsto dall’articolo 106 T.U.B.,
  • Poste Italiane S.p.A., per le attività di bancoposta di cui al D.P.R. 14 marzo 2001, n. 144,
  • prestatori di servizi di pagamento per i servizi di pagamento da essi prestati.

È possibile trovare i corsi, ad esempio, sul portale http://www.ivassconsobacademy.it/.

Come si svolge un corso e-learning per intermediari bancari?

Nello specifico, il corso in modalità di e-learning per intermediari bancari, si svolge tramite l’utilizzo di un qualsiasi pc dotato di connessione internet veloce (adsl – umts), smartphone o tablet.

In questo modo sarà possibile accedere al servizio sia da casa che dall’ufficio o da dove si preferisce ed in qualsiasi ora del giorno. Un modo rapido, semplice e sempre a portata di mano per formarsi sempre in qualsiasi momento.

In cosa consiste il test finale?

Una volta maturate le ore di corso sulla piattaforma di formazione e-learning, è possibile accedere immediatamente al test di verifica finale. In cosa consiste? Il test di verifica finale è costituito da un quiz a risposte multiple che hanno lo scopo di appurare il reale apprendimento delle materie trattate durante il corso.

Il test finale si svolge dunque a distanza tramite PC, in orario libero.

Attestato di Formazione

Al termine del test e, soprattutto, al superamento del test stesso, verrà rilasciato l’attestato di formazione professionale.

Chi può impartire corsi?

Chi può impartire corsi di formazione e aggiornamento previsti dall’Ivass? Naturalmente è fondamentale che a impartire la Formazione siano soggetti regolarmente autorizzati a tale scopo. Ma vediamo insieme chi sono? E quali sono le caratteristiche devono garantire?

I soggetti che possono impartire direttamente o indirettamente i corsi di formazione e di aggiornamento Ivass per consulenti assicurativi, o possono comunque organizzarli sono decisi dall’art. 87 del Regolamento Ivass n. 40/2018. Parliamo di soggetti dunque regolarmente autorizzati.

Ecco le categorie di operatori che possono impartire corsi di formazione, le categorie sono due e sono le seguenti:

  • Le imprese e gli intermediari che risultano essere iscritti nelle sezioni A, B o D del RUI, per i relativi collaboratori iscritti nella sezione E;
  • Le imprese, per i produttori diretti, per gli intermediari a titolo accessorio da iscrivere o iscritti nella sezione F del Registro, per i dipendenti di imprese direttamente coinvolti nell’attività di distribuzione, per gli addetti dei call center delle imprese e – ma solamente per i corsi di aggiornamento – per le persone fisiche iscritte nelle sezioni A o B del RUI.

Lascia un commento